14 Dicembre 2018

[]
News
percorso: Home > News > News

Disagio mentale, solo il 13% in Italia su un milione ha un lavoro

05-06-2015 12:48 - News
Più di un milione di persone in Italia ha una malattia mentale o un disturbo del comportamento e solo il 13,2 per cento dichiara di avere un lavoro. Sono i dati dell´Istat presentati durante il convegno Inail sull´inserimento socio-lavorativo delle pazienti con disabilità psichica. Le patologie più presenti sono la depressione che colpisce il 4 per cento della popolazione, l´ansia (3 per cento), l´Alzheimer (l0,9 per cento) e il disturbo del comportamento alimentare (0,5 per cento). L´obiettivo dell´iniziativa organizzata dell´Isfol, in collaborazione con l´Osservatorio nazionale sulla disabilità istituito presso il Ministero del Lavoro e Politiche Sociali, è quello di sviluppare il dibattito sull´inclusione sociale e valorizzare le risorse individuali dei pazienti. "Nella nostra società - ha detto Alfredo Ferrante, dirigente delle Politiche per le persone con disabilità del Ministero del Lavoro -, le persone con disabilità vivono una condizione di marginalità e i malati psichici subiscono una discriminazione più forte. Questo è un problema soprattutto culturale: dobbiamo superare la paura della diversità. Chi ha un disagio deve godere degli stessi diritti della maggior parte della popolazione. Solo così potrà avere una vita indipendente".
Secondo i dati Isfol, nel 2011 il 2 per cento delle aziende in Italia aveva assunto persone con disabilità psichica, nel 2013 la percentuale è scesa allo 0,6 per cento, con una diminuzione del 72 per cento. Per Franco Veltro, direttore del Dipartimento di salute Mentale del Molise, "il 70 per cento delle persone cha hanno una malattie psichiatrica desidera lavorare e il 75 per cento di queste patologie è causato dalle condizioni sociali. Ci si ammala di più quando si è poveri". Un aspetto significativo della paura del diverso riguarda chi è affetto da schizofrenia: "Il 22 per cento ha un solo episodio nella vita di manifestazione di questa malattia senza alcuna compromissione delle abilità personali, ma solo il 10 per cento ha un lavoro retribuito - spiega Veltro -. Le Regioni cercano di fare quello che possono: nel Lazio sono stati avviati 1413 progetti di inserimento lavorativo ma solo 77 persone hanno ottenuto un lavoro. Nella maggior parte dei casi vengono assunti nelle cooperative sociali". Secondo Franca Biondelli, sottosegretario di Stato del Ministero del Lavoro: "L´Organizzazione mondiale della salute ha calcolato che il tasso di disoccupazione per chi ha disturbi psichici si aggira al 70 per cento. Dobbiamo superare le barriere culturali che limitano l´accesso al lavoro e combattere lo stigma che è ancora forte. Mia sorella è affetta da un disagio mentale quindi capisco le difficoltà che incontrano le loro famiglie. Stiamo lavorando sul ´dopo di noi´ per non lasciare soli i pazienti dopo la morte dei loro genitori". Fonte: http://www.superabile.it/web/it/CANALI_TEMATICI/Lavoro/Dossier/info-1186663336.html

Fonte: Superabile.it
(da superabile.it)

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata